IL piacere di leggere

sono libri, leggici dentro fin che puoi (Cesare Pavese)


Marcel Proust - Alla ricerca del tempo perdutoNel 1918 esce la seconda parte della Recherche: À l’ombre des jeunes filles en fleur (All’ombra delle fanciulle in fiore), premio Goncourt 1919.

All'ombra delle fanciulle in fiore rappresenta, all'interno di quel "tout vivant" che è la Recherche, il momento spirituale e biologico della giovinezza. Libro "corale", "estroverso", di un fascino duraturo, è anche un libro "marino", nel quale il paesaggio della costa normanna insolitamente assolata, tratteggiata con tocchi impressionisti, fa da sfondo al doppio amore del Narratore per Gilberte prima e per la piccola banda delle "fanciulle in fiore" poi, in cui spicca Albertine.
In questo volume ritroviamo il trionfo dei sentimenti e delle emozioni: un gruppo di ragazze adolescenti regalano al Narratore le prime illusioni erotiche. I sentimenti, ancora acerbi, sono descritti in modo minuzioso e poetico.
Tra i molti incontri decisivi, quello con lo scrittore Bergotte e il pittore Elstir, che inizieranno il Narratore alla vita e all'arte. Romanzo romantico e intrigante.





  







Il tempo di cui disponiamo ogni giorno è elastico; le passioni che proviamo lo dilatano,
quelle che ispiriamo lo restringono e l'abitudine lo colma.


Estratto:

Lungomare di Balbec prima apparizione delle fanciulle in fiore

Solo, io restavo semplicemente davanti al Grand Hotel (...) quando, quasi ancora all'altro capo della diga dov'esse facevano muovere una macchia bizzarra, vidi avanzarsi cinque o sei ragazzine, così diverse, per l'aspetto e i modi, da tutte le persone che si era soliti vedere a Balbec, come sarebbe potuto esserlo, sbarcato non si sa di dove, uno stormo di gabbiani che eseguisca a passi contati sulla spiaggia, - mentre i ritardatari raggiungono gli altri con piccoli voli - una passeggiata, il cui fine appaia tanto oscuro ai bagnanti, ch'essi non sembrano vedere, quanto chiaramente determinato per il loro spirito di uccelli.

Una di quelle sconosciute spingeva davanti a sé, con la mano, la sua bicicletta; le altre due tenevano in mano mazze da golf; e il loro abbigliamento contrastava con quello delle altre fanciulle di Balbec, tra le quali, è vero, alcune si davano agli sport, ma senza usare per questo una tenuta speciale.

***
...le ragazzine che avevo scorto procedevano leste, con quella destrezza dei gesti che nasce da una perfetta scioltezza del corpo e da un disprezzo sincero per il resto dell'umanità, procedevano leste, senza esitazione né rigidità, compiendo esattamente i movimenti voluti, in una piena indipendenza reciproca di tutte le membra, mentre la maggior parte del corpo conservava quell'immobilità così notevole nelle buone ballerine di valzer.

***

Benché ognuna fosse un tipo assolutamente diverso dalle altre, tutte avevano una certa bellezza: ma, a dire il vero, le vedevo da così pochi minuti, e senza osare guardarle fissamente, che non ne avevo ancora individuata nessuna. Tranne una, il cui naso dritto e la carnagione bruna faceva spiccare, in mezzo alle altre, come in certi quadri del Rinascimento, un Re Mago di tipo arabo, esse non mi erano note che una per un paio d'occhi duri, ostinati e ridenti; un'altra per le guance in cui il rosa aveva quella sfumatura di rame che rievoca il geranio; e anche di questi tratti non ne avevo ancora legato indissolubilmente nessuno ad una fanciulla piuttosto che a un'altra.
E quando (secondo l'ordine in cui si svolgeva quel piccolo corteo, meraviglioso perché vi erano accostati gli aspetti più diversi, tutte le gamme di colore vi comparivano una accanto all'altra, ma che era confuso come una musica in cui non avessi potuto isolare e riconoscere al passaggio le frasi, distinte ma dimenticate subito dopo) vedevo emergere un ovale bianco, degli occhi neri, degli occhi verdi, non sapevo se fossero gli stessi che mi avevano deliziato già un momento prima, non potevo metterli in rapporto con una data fanciulla ch'io avessi separata dalle altre e riconosciuta. E quest'assenza, nella mia visione, del distacco che avrei presto stabilito fra loro, propagava attraverso il gruppo un ondeggiamento armonioso, la traslazione continua di una bellezza fluida, collettiva e mobile.



Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto,  All'ombra delle fanciulle in fiore

All%27ombra_delle_fanciulle_in_fiore/Marcel_Proust

Copyright © 2017. Il Piacere di Leggere.

Design: RC Service - Web Content Manager/Editor: Rosetta Circiello